Benvenuto in Val di Noto
Trova il tuo alloggio
Offerte da non perdere
Alloggi a tema
Weekend in Val di Noto
App tourist card
Guida e informazioni

DESCRIZIONE

Infiorata di Noto

 

Non perderti la splendida  Infiorata di Noto, un evento mozzafiato in cui le strade prendono vita ricoperti di tappeti floreali, un evento di cinque giorni che si svolge nella terza settimana di maggio. L’Infiorata ha una tradizione di lunga data a Noto, che mette in mostra le impressionanti abilità della comunità locale nella creazione di tappeti floreali sulle strade.

Il Saluto alla Primavera l’Infiorata

 

Nell’anno 1979, l’Amministrazione Comunale di Noto coltivò l’idea di valorizzare ulteriormente le immense ed inestimabili risorse del suo territorio. Urgeva una manifestazione che richiamasse visitatori e che potesse fungere da volano turistico per una città che tutt’oggi studia e progetta continuamente il modo di incrementare il turismo stesso, cosciente dei salutari e benefici effetti collaterali che ciò comporta. Un artista genzanese, in visita a Noto per trascorrere le ferie presso amici, passeggiando per il corso, espresse il parere di infiorarlo.

L’Amministrazione Comunale di quel periodo, sindaco l’Avv. Ernesto Rizza, Assessore al Turismo il Dott. Gaetano Celeste, accolsero favorevolmente l’idea, l’A.P.T. di Siracusa appoggiò l’idea e suggerì di invitare i maestri genzanesi. Dopo un sopralluogo propedeutico dei maestri genzanesi, studiati gli angoli più caratteristici e, di concerto con gli amministratori locali, si elaborò l’articolazione del progetto Infiorata. Inizialmente si pensò d’infiorare il corso Vittorio Emanuele, nel tratto centrale fra il Duomo e il Municipio: il potere temporale e quello spirituale idealmente congiunti coi fiori della Primavera; poi, ammaliati dalla via Nicolaci, si decise di infiorare quella stupenda via in leggera salita, anche perché la resa visiva e dunque artistica sarebbe stata maggiore, in quanto, data l’inclinazione del piano, il visitatore poteva abbracciare con un unico sguardo, l’intero panorama floreale.

Nel maggio del 1980, in omaggio al valore storico, artistico e urbanistico della città barocca, i netini beneficiarono dell’opera dei Maestri genzanesi i quali, ospiti della città, infiorarono la via Nicolaci, sotto l’occhio vigile e attento degli artisti locali. È ancora vivo il ricordo dei ragazzini che puntigliosamente sfogliavano montagne di fiori variopinti: papaveri, rose, margherite ma ben presto sorse il problema della loro conservazione per mantenerli freschi; la soluzione: i fiori vennero sistemati in un locale molto umido e fresco, pare una fungaia, ricoperti con tela di juta inumidita, per mantenere immutata la loro freschezza.

Da ciò, nasce la manifestazione “Saluto alla Primavera” e si rafforza la pratica di rivalorizzare, in un contesto urbanistico e ambientale, la natura nella nuova tematica turistico-ecologica. I netini hanno appreso la tecnica genzanese e da 44 anni il giardino di pietra, puntualmente, la terza domenica di maggio, saluta anche se per pochi giorni la Primavera. Questa manifestazione rappresenta l’iniziativa culturale più importante e prestigiosa della città, conosciuta ed apprezzata in Italia e nel mondo e si distingue dalle altre per il suggestivo contesto scenografico, le cui quinte sono formate dai palazzi laterali dei Principi di Villadorata e dei Baroni Modica Nicolaci di San Giovanni, e il cui fondale è rappresentato dalla facciata concava della Chiesa di Montevergini.
Dopo aver sperimentato la bellezza e la vitalità dell’Infiorata, dirigiti verso la Chiesa di San Domenico.

Aggiungi recensione (facoltativo)

INFO E CONTATTI

RICHIESTA INFORMAZIONI